08 March 2015

Teoria economica, da zero /2.1

Rich si ritrova da solo sull'isola dopo il naufragio e non sa se o quando verrà qualcuno a salvarlo. Qual è la prospettiva economica su una situazione simile?
Innanzitutto Rich dovrà stabilire cosa fare nel tempo che dovrà rimanere sull'isola: rispondere a questa domanda significa scegliere un fine. Forse il suo obiettivo sarà di sopravvivere finché non verranno a salvarlo. È ragionevole, ma ricordiamoci che sarebbero possibili altri fini: dal punto di vista economico nessun fine è più valido di un altro. E' un punto importante, val la pena ripeterlo: non significa che l'economia reputi equivalente, indifferentemente, qualsiasi sistema di valori; semplicemente non si occupa di affrontare il problema dei valori.
 
0, 1, 2, 3
 

3 comments:

procellaria said...

Se l'economia è, dati un fine e risorse limitate, valutare le varie "traiettorie" per raggiungere quel fine, allora l'economia si riduce a un problema di ottimizzazione vincolata? Formulare una funzione di costo per un sistema modello e ottimizzare i parametri per minimizzare la funzione di costo?

hronir said...

Tutt'altro.

Ma in effetti la tua domanda rappresenta un'obiezione legittima rispetto al mio tentativo di incapsulare l'economia in una definizione — si vede che il capitolo zero non ha niente a che fare con Callahan ed è tutto farina del mio sacco, eh?

In realtà un approccio del tipo "ottimizzazione vincolata" è proprio uno di quelli "ingegneristici" da cui volevo prendere le distanze in quel capitolo zero. Vediamo se riesco a dirlo meglio: l'approccio austriaco rappresenta l'esplorazione delle conseguenze del rendersi conto che ogni azione umana non è nient'altro che una scelta sulla gestione di risorse limitate per raggiungere un fine. Ma le persone non agiscono come automi ottimizzatori, le loro valutazioni, espresse esplicitamente con le loro azioni, possono variare da momento a momento, perché i loro fini non sono scolpiti nella pietra, né lo è la valutazione dei mezzi. Pensare di poter impostare una funzione di costo significa mancare completamente il senso delle azioni umane e dunque formulare una teoria economica totalmente scollata dalla realtà.

Ma l'invito è quello di continuare a seguire le prossime puntate, tutto diverrà via via più chiaro.

procellaria said...

Continuerò a seguire, grazie.