30 November 2012

   [9] Metodo e spiegazione scientifica: dalla fisica all'evoluzionismo, per l'economia — all'ombra di Quine

[0][1][2][3][4][5][6][7][8][9]
(...continua)
§  La scuola austriaca
Con la scuola austriaca è tutt'un altro mondo, hai la genuina sensazione di comprensione: si parte da situazioni semplici e si acquisiscono principi e metodologie che appaiono subito come generali e facilmente applicabili in mille situazioni diverse. Di più, i vari pezzi combaciano perfettamente gli uni con gli altri a formare un quadro dotato di senso. Il che non significa, certamente, aver capito tutto subito, ma significa che per nuove situazioni sai individuare le variabili rilevanti, riesci a capire le direzioni in cui guardare per cercare una risposta, ma soprattutto sai giudicare cosa, invece, rappresenta un dettaglio del tutto irrilevante. Le situazioni reali restano involute, e ci mancherebbe, ma le interpretazioni austriache non si basano su modelli specifici, che assumono relazioni di causa-effetto semplici nonostante il contesto complesso; esse si basano su principi generali che valgono indipendentemente dai dettagli contingenti che invece sono il tipico oggetto di studio dei modelli economici mainstream.
 
Cosa dovremmo pensare, se non che non hanno capito nulla del processo evolutivo, di quei critici (della scientificità) dell'evoluzionismo che sfidassero a fare una previsione specifica su, chessò, quando precisamente quella tal specie cambierà qualche suo fenotipo, e quale, e come? Allo stesso modo le critiche alla teoria austriaca sulla sua mancanza di previsioni precise e falsificabili, sulla sua reticenza all'uso di modelli quantitativi, econometrici e verificabili sperimentalmente, rivelerebbero semplicemente di non aver colto il senso e la portata del suo quadro concettuale.
 
Faccio un esempio, per non lasciare che le mie apologie siano sempre vuote. Prendiamo le politiche monetarie delle banche centrali in regime di monopolio di emissione di moneta a corso legale forzoso: l'aver compreso il ruolo di coordinamento giocato dai prezzi di mercato, e in particolare di quel prezzo che è il tasso di interesse sui prestiti, ha come naturale conseguenza che le politiche monetarie, in qualsiasi direzione cerchino di spingere, devono essere considerate semplicemente delle distorsioni nei segnali che il livello dei prezzi altrimenti invierebbe a tutti gli attori del mercato, dirottando risorse verso progetti e investimenti non richiesti dal mercato, e dunque destinati al fallimento, sottraendole a quelli che potrebbero avere successo. Detto questo, non ha senso mettersi ad argomentare tirando in ballo l'entità della bilancia commerciale o le quotazioni della valuta sul mercato dei cambi o i tassi di prestiti interbancari o qualsiasi altro dettaglio contingente: l'effetto di distorsione ci sarà comunque, anche se l'effetto potrà assumere forme quantitative diverse, a seconda di quelle variabili e di mille altre che non saremmo mai in grado di misurare.
Per fare un parallelo con la fisica, è come se i modelli mainstream cercassero di analizzare in dettaglio la dinamica di una macchina del moto perpetuo, cercando il punto esatto in cui il modello si discosta dalla realtà, sperando così di poterlo migliorare ed ottere davvero, finalmente, il moto perpetuo; mentre gli austriaci, di fianco, magari non sanno dirti bene dove la dinamica del modello comincerà a discostarsi dalla realtà (perché la dinamica è davvero complessa, gli austriaci non lo negano), però provano a ragionare in termini di bilancio energetico e scoprono che no, non può essere: indipendentemente dai dettagli cinematici, alla fine il moto si smorzerà.
 
Insomma, la forza, notevole, dell'approccio austriaco è tutta qui: nel fornire un quadro di interpretazione coerente dei fenomeni economici, evidenziandone i meccanismi rilevanti, gli attori principali e quelli irrilevanti. Molto spesso lo fa senza appoggiarsi a quelle analisi quantitative che tanto piacciono agli economisti mainstream, utilizzando argomenti del tutto generali, capaci di giudicare la bontà o meno di una schematizzazione matematica prima ancora di controllarne l'aderenza empirica a determinati casi concreti.
Volete usare un nome specifico, prasseologia, per questo approccio? Liberissimi di farlo, ma si tratterebbe di una caratterizzazione di ambito, non di metodo. Il metodo, epistemologicamente parlando, è uno solo, quello scientifico, buono tanto per la fisica, quanto per la biologia e l'economia, ed è precisamente lo stesso, à la Quine, usato nella vita quotidiana per oggetti e persone. Le diverse declinazione che i diversi ambiti richiedono differiscono per prassi legate alle specificità dell'oggetto di studio, non per status epistemologico. E per la sedicente prasseologia l'ambito è lo stesso dell'economia classica.
 

0 comments: