27 October 2007

hronir da tutto il mondo

Dai lloogg [›››] degli accessi a questo blog, sembrerebbe che qualcuno dalla Repubblica Islamica dell'Iran [›››] sia passato di qui qualche giorno fa. Ma il referring URL della visita fa riferimento a g00gle-explorer. Anzi, la pagina stessa che è stata visualizzata corrisponde a un indirizzo temporaneo (non più attivo) generato da g00gle-explorer (per cui non posso sapere quale pagina del blog è stata richiesta...).
Chissà da dove veniva realmente il visitatore. Magari proprio da un paese, come l'Iran da cui ha preso in prestito un indirizzo IP, in cui l'uso di strumenti come g00gle-explorer dev'essere una pratica molto diffusa...

3 comments:

Ivo Silvestro said...

Ma come funziona g00gle-explorer?
Ho fatto un giro veloce ma non mi è chiaro: permette di scavalcare eventuali limitazioni alla navigazione?

P.S. Quasi quasi una prova con lloogg la farei ;-)

hronir said...

Non ci ho perso molto tempo, quindi non ho bene idea dei dettagli.
Quello che ho capito è che se indichi un url nella casella in basso (Enter the URL Address:) cominci a navigare sul sito in questione passando attraverso g00gle-explorer. Come se il tuo browser dialogasse sempre con i server di g00gle-explorer e pensassero questi a fare le richieste HTTP alle pagine che vuoi vedere, inviandoti poi le risposte... Inoltre le richieste sembrano criptate, perchè il lunghissimo url che viene visualizzato nella navigazione non contiene esplicitamente (ad es. come parametro GET) l'indirizzo che si vuol visitare, bensì una lunghissima stringa apparentemente random. Dai lloogg, inoltre, compare la pagina effettivamente visitata, ma se provo a caricarla anch'io non mi ritrovo sul mio blog ma su una pagina di errore che mi dice che la pagina che sto cercando è scaduta.

Il risultato in termini di "limitazione alla navigazione", per come me lo immagino, dovrebbe essere che se il tuo provider ti impedisce di visualizzare pagine, chessò, di youtube, ma non ti impedisce di andare su g00gle-explorer, hai trovato il modo di bypassare la censura.

Ora non ho tempo, ma si potrebbe provare con le pagine di scommesse che l'italia cerca di bannare... (in tanti aspetti, non siamo molto diversi dalla Cina...)

Edo said...

Secondo me il tipo iraniano e' l'amico di Cippa.