30 March 2009

hronir


Jorge Luis Borges
(foto, adattamento)
Mi hanno fatto osservare che googlando per hronir la mia ingombrante personalità impedisce di arrivare a conoscere il significato borgesiano della parola. Mi cimento, dunque, in un tentativo di riparazione, incollando qui di seguito il passo di Tlon, Uqbar, Orbis Tertius, da Finzioni, di Borges, da cui ha origine il nome hronir, nella speranza che la presenza della parola hronir nel titolo del post, oltre che del blog, e la frequente ripetizione della parola hronir nel testo — sì, sto ripetendo hronir apposta — faccia salire questo post fra i risultati della ricerca per... hronir. :)
Sì, bisognerebbe scrivere hrönir, con la dieresi sulla o, così come bisognerebbe scrivere Tlön. Ma si sa, sul web queste sottigliezze diventano una complicazione e si perdono.
Visto che ci sono, incollo anche la versione originale in spagnolo: non che conosca lo spagnolo, ma il suono di questa lingua mi piace tantissimo. La traduzione è quella di Franco Lucentini.
 
Siglos y siglos de idealismo no han dejado de influir en la realidad. No es infrecuente, en las regiones más antiguas de Tlön, la duplicación de objetos perdidos. Dos personas buscan un lápiz; la primera lo encuentra y no dice nada; la segunda encuentra un segundo lápiz no menos real, pero más ajustado a su expectativa. Esos objetos secundarios se llaman hronir y son, aunque de forma desairada, un poco más largos. Hasta hace poco los hronir fueron hijos casuales de la distracción y el olvido. Parece mentira que su metódica producción cuente apenas cien años, pero así lo declara el Onceno Tomo. Los primeros intentos fueron estériles. El modus operandí, sin embargo, merece recordación. El director de una de las cárceles del estado comunicó a los presos que en el antiguo lecho de un río había ciertos sepulcros y prometió la libertad a quienes trajeran un hallazgo importante. Durante los meses que precedieron a la excavación les mostraron láminas fotográficas de lo que iban a hallar. Ese primer intento probó que la esperanza y la avidez pueden inhibir; una semana de trabajo con la pala y el pico no logró exhumar otro hron que una rueda herrumbrada, de fecha posterior al experimento. Éste se mantuvo secreto y se repitió después en cuatro colegios. En tres fue casi total el fracaso; en el cuarto (cuyo director murió casualmente durante las primeras excavaciones) los discípulos exhumaron -o produjeron- una máscara de oro, una espada arcaica, dos o tres ánforas de barro y el verdinoso y mutilado torso de un rey con una inscripción en el pecho que no se ha logrado aún descifrar. Así se descubrió la improcedencia de testigos que conocieran la naturaleza experimental de la busca... Las investigaciones en masa producen objetos contradictorios; ahora se prefiere los trabajos individuales y casi improvisados. La metódica elaboración de hronir (dice el Onceno Tomo) ha prestado servicios prodigiosos a los arqueólogos. Ha permitido interrogar y hasta modificar el pasado, que ahora no es menos plástico y menos dócil que el porvenir. Hecho curioso: los hronir de segundo y de tercer grado -los hronir derivados de otro hron, los hronir derivados del hron de un hron- exageran las aberraciones del inicial; los de quinto son casi uniformes; los de noveno se confunden con los de segundo; en los de undécimo hay una pureza de líneas que los originales no tienen. El proceso es periódico: el hron de duodécimo grado ya empieza a decaer. Más extraño y más puro que todo hron es a veces el ur: la cosa producida por sugestión, el objeto educido por la esperanza. La gran máscara de oro que he mencionado es un ilustre ejemplo.
Secoli e secoli di idealismo non hanno mancato di influire sulla realtà. Non è infrequente, nelle regioni più antiche di Tlön, la duplicazione degli oggetti perduti. Due persone cercano una matita; la prima la trova, e non dice nulla; la seconda trova una seconda matita, non meno reale, ma meno attagliata alla sua aspettativa. Questi oggetti secondari si chiamano hronir, e sono, sebbene di forma sgraziata, un poco più lunghi. Fino a non molto tempo fa, i hronir furono creature casuali della dimenticanza e della distrazione. Alla loro produzione metodica - sembra impossibile, ma così afferma l'"undicesimo volume" - non s'è giunti che da cento anni. I primi tentativi furono sterili. Il modus operandi merita d'essere ricordato. Il direttore di una delle carceri dello stato comunicò ai detenuti che nell'antico letto d'un fiume v'erano certi sepolcri, e promise la libertà a chi facesse un ritrovamento importante. Durante i mesi che precedettero gli scavi, furono mostrate ai detenuti fotografie di ciò che dovevano ritrovare. Questo primo tentativo mostrò che la speranza e l'avidità possono costituire una inibizione; in una settimana di lavoro con la pala e con il piccone, non si riuscì ad esumare altro hronir che una ruota arrugginita, di data anteriore all'esperimento. La cosa fu mantenuta segreta e fu poi ripetuta in quattro istituti di educazione. In tre, l'insuccesso fu quasi completo; nel quarto il cui direttore morì casualmente durante i primi scavi) gli scolari esumarono - o produssero - una maschera d'oro, una spada arcaica, due o tre anfore dl coccio, e il torso verdastro e mutilato d'un re, recante sul petto un'iscrizione che non s'è ancora potuta decifrare. Si scoprì in tal modo come la presenza o testimoni a conoscenza del carattere sperimentale della ricerca, costituisca una controindicazione... Le investigazioni in massa producono oggetti contraddittori; oggi si preferiscono i lavori individuali e quasi improvvisati. La produzione metodica dei hronir (dice l'undicesimo volume) ha reso servizi prodigiosi agli archeologi. Essa ha permesso di interrogare e perfino dl modificare il passato, divenuto non meno plastico e docile dell'avvenire. Fatto curioso: i hronir di secondo e di terzo grado - i hronir derivati da un altro hronir: quelli derivati dal hron di un hron - esagerano le aberrazioni del hron iniziale; quelli di quinto, ne sono quasi privi; quelli di nono, si confondono con quelli di secondo; quelli di undicesimo, hanno una purezza di linee non posseduta neppure dall'originale. Il processo è periodico: Il hron di dodicesimo grado comincia già di nuovo a decadere. Più strano e più puro di ogni hron è talvolta l'ur: la cosa prodotta per suggestione, l'oggetto evocato dalla speranza. La gran maschera d'oro cui ho accennato ne è un illustre esempio.
Las cosas se duplican en Tlön; propenden asimismo a borrarse y a perder los detalles cuando los olvida la gente. Es clásico el ejemplo de un umbral que perduró mientras lo visitaba un mendigo y que se perdió de vista a su muerte. A veces unos pájaros, un caballo, han salvado las ruinas de un anfiteatro.
Le cose, su Tlön, si duplicano; ma tendono anche a cancellarsi e a perdere i dettagli quando la gente le dimentichi. E' classico l'esempio di un'antica soglia, che perdurò finché un mendicante venne a visitarla, e che alla morte di colui fu perduta di vista. Talvolta pochi uccelli, un cavallo, salvarono le rovine di un anfiteatro.

5 comments:

RENZO said...

Perfetto, così la gente arriverà a Borges tramite il tuo blog. Per la cronaca: in cima c'è questo post adesso ;)

hronir said...

Be', propriamente parlando al momento in cima ai risultati di google c'è ancora il link generico al blog (che al momento ha questo post in cima, ma in linea di principio non c'entra...) e il secondo risultato, ora che scrivo, è a quest'altro post (chissà con che criterio viene scelto...).
Bisognerà aspettare la pubblicazione del prossimo post e vedere se cambia qualcosa...

alex said...

in spagnolo c'è "la segunda encuentra un segundo lápiz no menos real, pero más ajustado a su expectativa", in italiano quel más ajustado diventa "MENO attagliato" ecc?
más è "più" :)

hronir said...

Interessante, Alex, non l'avevo notato.

Confesso di non essermi messo a trascrivere a mano, ma ho semplicemente googlato e fatto copia-incolla. Questo porta ad escludere un mio errore di trascrizione, ma non la fissazione nell'eternità di Internet dell'errore di qualcun altro che per primo ha messo a disposizione sul web la traduzione in italiano.

Ma ho controllato sull'originale cartaceo: la traduzione di Lucentini dice proprio "meno attagliato". E si può escludere anche l'errore di stampa, perchè compare così tanto nel Finzioni della Enaudi quanto nel primo volume dell'opera omina dei Meridiani Mondadori.

Insomma, il colpevole sembrerebbe essere il traduttore, e trattandosi nientemeno che di Lucentini viene il sospetto che non di errore possa trattarsi, ma di deliberata scelta (del resto non è la prima volta che si sospettano errori di traduzione per Borges...).

Il senso originale del più attagliato sembra chiaro ed evidente: i hronir sarebbero creazioni dell'aspettativa, sembra naturale che l'assecondino. Scoprire invece, decidere invece, che i hronir sorprendono anche l'aspettativa che li genera... aggiunge un ulteriore scarto metafisico al mondo di Tlon.

Alex, grazie infinite dello spunto!

Knulp said...

OT: ciao, non sono riuscito a ricreare il problema che mi segnali sul mio sito. Potresti darmi qualche altro dettaglio? (con che browser ti si verifica?).