08 July 2015

Teoria economica, da zero /31.4

Analogamente alcuni proprietari terrieri potrebbero giudicare di proprio maggior vantaggio spostare d'uso alcuni apprezzamenti per aumentare la superficie coltivabile; alcuni lavoratori potrebbero giudicare più proficuo lasciare il proprio lavoro corrente e dedicarsi a fare la tata. Nel fare simili scelte e cambiamenti, ciascuna di queste persone sta agendo col ruolo di imprenditore. Come scrive Mises in “Profit and Loss”: le azioni dell'imprenditore consistono nel prendere decisioni, nel determinare per quali scopi i mezzi di produzione devono essere impiegati. È la percezione corretta delle possibilità di miglioramento, del modificare ciò che è in ciò che dovrebbe essere, che crea i profitti in economia, ed è la percezione sbagliata di quelli, che crea le perdite. In questo senso è chiaro che nell'economia in ciclo perenne non c'è profitto alcuno né perdita, in un senso economico — i possessori di capitale matureranno l'interesse dei propri investimenti al tasso di mercato: sì, dal punto di vista di bilancio e della tassazione è considerato profitto, ma in economia si considera profitto un tasso superiore a quello di mercato.
 
0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12,
13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23,
24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32
 

0 comments: