24 May 2016

L'anima /1

Sarebbe una bella cosa vedere la propria anima. [...]
Noi chiamiamo “anima” quello che ci anima. E non sappiamo di più, dati i limiti del nostro intelletto. [...]
Povero pedante, tu vedi una pianta che vegeta, e dici “vegetazione”, o anima vegetativa; osservi i corpi che hanno e comunicano il moto, e dici “energia”; vedi il tuo cane da caccia che sotto la tua guida impara il suo mestiere e gridi “istinto”, “anima sensitiva”; hai delle idee composte e dici “intelletto”.
Ma, di grazia, che intendi con queste parole? Certo questo fiore vegeta, ma c’è proprio un ente reale che si chiama “vegetazione”? [...]
Se un tulipano potesse parlare e ti dicesse: “è chiaro che la mia vegetazione e io siamo due esseri uniti insieme” non ti faresti beffe di quel tulipano? [...]
Vediamo i bei sistemi che la tua filosofia ha costruito su queste anime. Uno dice che l’anima dell’uomo è parte della sostanza di Dio stesso; l’altro che essa è parte del gran tutto; un terzo che essa è creata ab eterno; un altro che è fatta ma increata; altri assicurano che Dio forma le anime man mano che ne sorge il bisogno, e che esse arrivano nel momento della copulazione: “Vengono a situarsi negli animalucoli seminali”, ti grida l’uno. “No”, dice quest’altro, “esse vanno ad abitare nelle trombe di Falloppio.” “Avete torto”, viene a dire un altro, “l’anima attende sei settimane che il feto sia formato, e allora prende possesso della ghiandola pineale; ma se trova un feto che andrà a male se ne torna indietro aspettando una migliore occasione” [...]
Non meno numerose ipotesi si sono fatte sul modo in cui quest’anima potrà sentire quando sarà stata separata dal proprio corpo per mezzo del qual sentiva: come udirà senza orecchie, odorerà senza naso, e toccherà senza mani; e in qual corpo alla fine dei tempi si reincarnerà: se in quello che aveva a due anni o a ottanta; e come l’io, l’identità della stessa persona potrà sussistere; e come egualmente l’anima di un uomo diventato scemo all’età di quindici anni e morto in demenza a settanta potrà riprendere il filo delle idee che aveva nell’epoca della pubertà; e con quali espedienti un’anima che abbia avuto tagliata una gamba in Europa e abbia perso un braccio in America ritroverà quella gamba e quel braccio i quali, essendo stati trasformati in legumi, saranno nel frattempo passati nel sangue di qualche altro animale... Non si finirebbe più se si volesse rendere conto di tutte le stravaganze che questa povera anima umana ha immaginato attorno a se stessa.
Voltaire, Dizionario filosofico, alla voce “anima”.
 

0 comments: