20 December 2007

thunderbird e gmail/IMAP

Giusto per poter dire che ho solo perso tempo col mio userstyle di ieri l'altro, sto cominciando ad usare l'uccello del tuono per leggere la posta, e sfruttare così il nuovo e sfavillante servizio IMAP di gmail.
   —   ∴   —   
I vantaggi sono che finalmente posso spedire mail certificate, ma soprattutto che posso re-impostare un singolo messaggio, come da leggere, invece che tutta la conversazione con cui gmail raggruppa le email!
In realtà l'idea di raggruppare le mail in conversazioni (h)a(veva) i suoi vantaggi: thread lunghissimi, in termini di numero di email, su thunderbird tendono a occupare tutta la lista di mail, riducendo enormemente il numero di thread che si riesce ad avere sott'occhio. Esiste, certo, l'opzione di raggruppare le mail per subject, ma in tal caso si è obbligati a mantenere l'ordine cronologico (invertito!!!) dei thread... a meno del trucchetto da nerd:
  • Edit → Preferences → Advanced → General → Config Editor...
  • nel campo filter, cercate
    mailnews.thread_pane_column_unthreads
    e settatelo a falso
et voilà: potete ordinare le mail in base alla vostra colonna preferita senza perdere i raggruppamenti in thread! E se volete comprimere o espandere tutti i thread, basta premere rispettivamente \ (backslash) o * (star). Bello, eh? Meglio che con gmail! Certo, gmail raggruppava nelle conversazioni sia le mail ricevuto che quelle spedite, per fare la stessa cosa in thunderbird bisognerebbe andare in All Mail, ma a quel punto l'enorme quantità di messaggi rallenta un po' tutto, e inoltre se uno aveva archiviato dei thread era perchè non ce li voleva avere più fra i piedi... vabbe'.
Anche in thunderbird, come in gmail, manca la possibilità di poter gestire autonomamente i raggruppamenti in conversazione (aggiungere/togliere mail, separare/unire/creare conversazioni...), una limitazione piuttosto forte se paragonata allo sforzo necessario, immagino, per essere implementata. Forse smanettando con qualcosa del genere, magari si riesce a farlo "a mano", chissà...
Uno dei problemi che temevo — il download delle migliaia e migliaia di mail archiviate (nel senso di google) — si risolve semplicemente non scaricando tutte le mail ma solo le intestazioni (che è la cosa impostata di default: per scaricare il corpo di tutti i messaggi bisogna impostare la cartella per l'uso offline negli account settings): in questo modo è possibile fare ricerche con thunderbird almeno nei campi mittente/destinatario/oggetto.
Insomma, devo ancora abituarmi un po' al cambiamento [›››] e credo che mi capiterà ancora di accedere alla posta via web per le ricerche estese (e nelle chat), ma credo che tornerò volentieri ad una desktop application...

0 comments: